Caricamento Eventi

Jojo Rabbit

Genere: Commedia, drammatico, guerra
Durata: 108 minuti
Regia: Taika Waititi.
Cast: Roman Griffin Davis, Thomasin McKenzie, Taika Waititi, Rebel Wilson, Sam Rockwell.

Target: dai 13 anni

«JoJo Rabbit» una satira contro l’odio. Restare come bambini per vincere l’orrore della guerra

Un film contro l’odio che usa l’arma della satira e dell’umorismo. Un’operazione rischiosa, che ha diviso il pubblico, ma che riesce a fare discutere di temi importanti e sentiti. Per noi un’opera riuscita.

Sì può ridere del male? Sì! Anzi, si deve! È questo che ci dice il regista Taika Waititi nelle prime scene di JoJo Rabbit. Il film è una “satira anti odio” che prende infatti i riti e l’immaginario nazista per distorcerli, renderli ridicoli e, in questo modo, neutralizzarli.
JoJo Betzler è un giovane hitleriano: un bambino nato e cresciuto durante il secondo conflitto mondiale. Non ha conosciuto altro nella sua vita. È accudito dalla madre (una magnifica Scarlett Johansson), sola, in una Germania in preda alla follia nazista. Viene chiamato Rabbit (coniglio) per via della sua incapacità di fare del male. Egli cresce frequentando i campi di addestramento per la gioventù e intrattenendo lunghe discussioni con il suo migliore amico immaginario… Adolf Hitler! La scoperta di una giovane ebrea, nascosta in casa dalla madre, metterà in crisi il fanatismo cieco di JoJo.
Una trama convenzionale, per un film in realtà poetico, leggero, ma profondissimo. Il punto di vista, nel cinema, è un’ importante scelta narrativa. La vita è bella raccontava la Shoah dalla prospettiva di un padre. JoJo Rabbit, invece, filtra l’orrore della guerra attraverso gli occhi di un bambino. Da qui deriva il tono frizzante e coloratissimo del film, in contrasto con i fatti raccontati. Il mondo, secondo JoJo, è diviso in due: ci sono eroi che uccidono (i Nazisti) e “mostri” che invece scappano e si nascondono (gli Ebrei). Per fortuna l’incontro con la ragazza della soffitta, un diverso che tanto fa paura, sconvolge la sua prospettiva. JoJo, attraverso il confronto e l’amicizia, cambia la sua visione. I colori accesi diventano pastello alla fine del racconto. Entrano le sfumature, entra il grigio della guerra: non più occasione di eroismo, ma tragedia che colpisce tutti, vincitori e vinti. Nel cinema di Waititi (noto per il film Marvel Thor: Ragnarok) non ci sono adulti: solo bambini e… “bambini cresciuti male”. Questi ultimi compiono azioni insensate, che neanche loro comprendono appieno.
L’opera ha fatto molto parlare di sé scioccando il pubblico statunitense per la rappresentazione anti eroica delle truppe americane, e per il coraggio con cui afferma (finalmente) che la guerra non ha mai vincitori, ma solo vinti.

Il Vangelo ci invita a ritornare come bambini per entrare nel Regno dei Cieli. JoJo Rabbit ci chiede di restare piccoli, ad altezza piedi (dettagli importantissimi nella storia), perché solo così si può continuare ad amare e ballare, liberi, sulle macerie del mondo. Per ricostruire e per non dimenticare.

Di Gianluca Bernardini – www.sdcmilano.it

Gennaio 27 2021

Details

Date: 27 Gennaio, 2021
Time: 15:00 - 20:30
Cost: 5€
Evento Categories:
Evento Tags:,

Venue

Cinema

TEATRO CENACOLO FRANCESCANO - Piazza Capuccini, 3
Lecco, 23900 Italia

+ Google Maps

Costo abbonamento:
- 35 € per la tessera da 10 ingressi.
- 60 € per la tessera da 20 ingressi.
è possibile utilizzare fino a due ingressi per film.

Scarica la locandina

per le norme sanitarie in vigore ogni spettatore dovrà comunicare Nome, Cognome e recapito telefonico.
I dati, nel rispetto della privacy, verranno conservati in modalità cartacea per i 14 gg richiesti dalle norme e poi distrutti. Vi invitiamo a scaricare un semplice modello per presentarvi con i dati già scritti.
Scarica il foglio PRESENZE

Parcheggio: disponibile durante la proiezione delle ore 21 nell’area dell’Oratorio a lato della Chiesa dei Cappuccini.