Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Il Signore degli anelli – Le due torri

In collaborazione con la Parrocchia S.Francesco organizziamo la proiezione della

Trilogia de Il Signore degli Anelli.

Secondo Episodio:

Diverso dal precedente La compagnia dell’anello rispetto al quale, anche per le complessità del romanzo – la narrazione si fa più frammentaria, Le due torri coniuga azione pura con un realistico approfondimento psicologico dei numerosi personaggi in campo (si veda l’eccellente caratterizzazione del personaggio di Gollum/Smeagol). Cupo ma al tempo stesso carico di speranza, virile ma non violento (molte scene di battaglia, ma nessuna crudezza) il film del neozelandese Jackson è un ottimo esempio di cinema popolare e intelligente, in grado di affascinare sia i lettori di Tolkien (che al di là di qualche necessario taglio dovranno riconoscere l’ottima interpretazione del testo letterario) sia gli spettatori profani di fantasy.

Redazione – sentieridelcinema.it

La trilogia cinematografica di Il Signore degli Anelli è tratta dal libro omonimo, diviso in tre parti, di John Ronald Reuel Tolkien, pubblicato per la prima volta tra il 1954 e il 1955, e tradotto integralmente in Italia nel 1970. Il genere di riferimento per film e libro è il romance.

La forma fondamentale del romance e di Il Signore degli Anelli è la dialettica: tra Bene e Male, tra eroi e antagonisti, tra alto e basso (la cinepresa volteggia spesso tra le cime delle montagne e delle torri, o si inabissa nelle viscere della terra), tra grande e piccolo (nel film, c’è il grande degli immensi paesaggi, con campi lunghi e lunghissimi, e il piccolo dei volti, dei primi piani, dei dettagli sull’Anello, che è un oggetto piccolo ma è al centro di tutta la storia; e piccoli sono gli Hobbit, i veri protagonisti).

Nel romance e in Il Signore degli Anelli, la figura degli eroi è associata alla luce, alla fertilità, all’ordine, alla vita (la Contea come Eden, come Terra Promessa, come luogo dell’età dell’oro); la figura dei nemici è associata invece al buio, all’aridità, al caos, alla morte (la sterilità del mondo dopo la caduta).
Il romance «è la vittoria della fertilità su una terra arida e desolata» (Northrop Frye, Anatomia della critica). Nel romance, il cattivo può essere umano, ma più si va verso il mito e più il cattivo assume natura demoniaca (Sauron).

La differenza principale tra romance e mito sta nel fatto che nel mito l’eroe è divino, mentre nel romance è umano (uomo come Aragorn, o mezz’uomo come Frodo e Sam). Il mito è comunque la «chiave metaforica» (Frye) del romance.
Nel romance i personaggi che sfuggono all’antitesi tra Bene e Male sono gli spiriti della natura, che rappresentano la neutrale indifferenza morale del mondo della natura: in Le due torri, gli spiriti della natura sono gli Ent, tra cui risalta il saggio e indifferente Barbalbero, che però, dopo la strage dei suoi fratelli alberi, si pone dalla parte del Bene. Diversi sono i riferimenti culturali di Il Signore degli Anelli: la Bibbia, la mitologia classica, le saghe nordiche, i poemi cavallereschi, le opere di Shakespeare (Vermilinguo come Jago o Riccardo III; Frodo e Gollum come Prospero e Calibano di La tempesta; Théoden come Re Lear; Saruman che viene sconfitto nel momento in cui gli alberi viventi si spostano, allo stesso modo in cui Macbeth viene sconfitto quando vede il bosco di Birnam che si muove verso Dunsinane).

Sul piano cinematografico, la trilogia di Peter Jackson fa pensare a Sergej M. Ejzenštejn (Ivan il terribile, Aleksandr Nevskij), David W. Griffith (Intolerance), Laurence Olivier (Enrico V), Fritz Lang (I Nibelunghi), Akira Kurosawa (Kagemusha, Ran). Il romanzo di Tolkien era stato già portato al cinema da Ralph Bakshi, nel film d’animazione Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings, 1978). Il film di Bakshi si basava su un progetto che prevedeva la trasposizione del romanzo di Tolkien in due film (ma il secondo non fu realizzato), e segue fedelmente il libro fino alla battaglia del Fosso di Helm.

Francesco Rufo – Mymovies.it

USA, Nuova Zelanda, Germania – 2002
Genere Fantastico
Regia di Peter Jackson.
Cast: Elijah Wood, Viggo Mortensen, Sean Astin, Ian McKellen, Liv Tyler
durata 120 minuti.

Aprile 28 2022

Details

Date: 28 Aprile
Time: 20:30
Cost: 5€
Evento Categories: ,
Evento Tags:,

Venue

Cinema

TEATRO CENACOLO FRANCESCANO - Piazza Cappuccini, 3
Lecco, 23900 Italia

Accesso alla sala: l'accesso alla sala è possibile con GreenPass rafforzato e Mascherina FFP2;

Parcheggio: disponibile durante la proiezione serale nell’area dell’Oratorio a lato della Chiesa dei Cappuccini.